cosa vedere a sorrento

Cosa vedere a Sorrento

Sorrento è una di quelle cittadine che vale la pena vedere almeno una volta nella vita.

Affacciata in maniera quasi imponente sul Golfo di Napoli, con un centro storico fatto di piccole viuzze affollate di negozi e con un mare cristallino dai riflessi argentati, Sorrento riesce ad incantare ogni visitatore che la sceglie come meta vacanziera. Non solo la prima volta che ci arriva, ma ogni volta che ci mette piede.

Situato a metà fra Napoli e Salerno, questo capoluogo della Penisola Sorrentina offre davvero tante cose da vedere e, la facilità nel raggiungerla, sia in auto che in treno, rende ancor più alta la voglia di godersela.

Il punto di partenza per un tour della città sarebbe di sicuro Piazza Lauro, la piazza più moderna, per poi proseguire per il famoso Corso Italia ed arrivare a Piazza Tasso.

Il nome di questa piazza si deve proprio al famoso poeta Torquato Tasso, che nacque qui a Sorrento ed a cui è stata dedicata una statua rappresentativa. Gli abitanti si vantano tantissimo di questo cittadino così importante e conosciuto, e come non potrebbero!

L’arte e la cultura fanno da sfondo ad un panorama mozzafiato che accoglie ogni anno migliaia di turisti, e che diventa un vanto per la Campania e per l’Italia intera. E evidenziare ogni monumento, artista o chiesa è proprio una certezza per gli abitanti del posto!

Il centro storico, ad esempio, regala delle bellezze che non smettono mai di sorprendere, e che, oltre al grande valore che hanno avuto in passato, hanno assunto un ruolo di grande importanza anche ai giorni nostri.

Come non nominare il Sedil Dominova, storico punto di ritrovo dei nobili sorrentini ed ora Sede della Società di Mutuo Soccorso; o la Chiesa di S. Francesco, proprio di fronte alla Villa Comunale, che col suo chiostro curato è diventato sede fissa per matrimoni e mostre fotografiche.

Un selfie dalla Villa Comunale con il Vesuvio ed il Golfo di Napoli sullo sfondo è davvero d’obbligo!

Sembrerà una cartolina da portare a casa o da regalare agli amici! Così come passeggiare nella zona del porto con gli stabilimenti balneari e la spiaggetta di Marina Piccola o nel borgo marinaio di Marina Grande; trovare un ristorantino in riva al mare e godere di un’ottima cucina a base di pesce non sarà mai stato così facile!

Sorrento dona davvero mille sfaccettature, e mostra con semplicità tutte le sue meraviglie, senza annoiare mai; perdersi fra la natura imponente del Vallone dei Mulini, fra la tradizione del Museo Correale o nell’arte e nella spiritualità del Duomo di Sorrento o della Basilica di S. Antonio, è sempre una buona idea.

Ma se invece tutto quello che si vuole è il relax, i Bagni della Regina Margherita, piscine naturali dell’Area Protetta di Punta Campanella, saranno lì ad aspettarci; per qualche ora di vera quiete e rilassamento.

Il Museo Correale è caratterizzato da un’importante raccolta di artisti minori del ‘600 e del ‘700, così accurata e particolareggiata da regalare al Museo la denominazione del più bello della provincia d’Italia.

Inaugurato quasi cento anni fa, nel lontano 1924, ha sede a Villa alla Rota, residenza settecentesca dei Correale, conti di Terranova, da cui prende il nome; è intelligentemente diviso in 24 sale, tutte spaziose e luminose, in cui risaltano arredi del XVII e XVIII secolo, reperti medioevali, greci e romani, vetri veneziani, cristalli di Boemia e maioliche e porcellane di Capodimonte.

In particolare, si trovano inoltre gli oggetti di artigianato locale della tarsia e i dipinti paesaggistici della Scuola di Posillipo, nonché alcune edizioni delle opere del concittadino Torquato Tasso.

Ma visitare il Museo Correale non significa solo farsi un viaggio nell’arte e nel bello, ma anche godersi il lussureggiante giardino che lo circonda e la terrazza che regala un panorama mozzafiato del Golfo di Napoli.

Osservare le bellezze che lo rappresentano e poi fermarsi ad osservare quella distesa incredibile di mare blu significa davvero ritrovare la pace dei sensi. Ed unire cultura e natura in una sola occhiata.

Informazioni

  • Indirizzo: Via Correale, 50, 80067 Sorrento NA
  • Telefono: 0818781846
  • Web: http://www.museocorreale.it/
  • Come Arrivare: portami qui

Chiesa di S. Francesco

Come ogni abitante del sud Italia, anche i sorrentini sono molto attaccati ai propri luoghi di culto, chiese e cattedrali che caratterizzano la loro alta spiritualità.

La Chiesa di S. Francesco, ad esempio, è davvero un vanto e una tappa da non saltare assolutamente quando si arriva a Sorrento.

Il complesso conventuale, formato dalla Chiesa, appunto, dal chiostro e dal monastero, dona un’area quasi mistica; sempre apprezzata dai turisti che cercano in questi luoghi un po’ di pace e raccoglimento.

L’interno della Chiesa, con le sue decorazioni in stucco e la tela di S. Francesco che riceve le stimmate, dell’artista Antonio Gamma, deve essere assolutamente osservato ed apprezzato: appena si supera la porta si percepisce nell’immediato un grande senso di pace e tranquillità, dovuto proprio alla grande attenzione messa nei dettagli.

Ma è il chiostro il vero protagonista, il più apprezzato dai visitatori: gli importanti portici di tufo, con archi incrociati e tondi, e l’unione di tanti stili, dovuta alle numerose ristrutturazioni, donano quell’aria solenne che tanto piace; e che viene usata spesso per mostre ed eventi religiosi importanti.

La fortuna di avere questo complesso nei pressi della Villa Comunale rende molto semplice la visita di più attrazioni nella stessa giornata.

Informazioni

  • Indirizzo: Piazza Francesco Saverio Gargiulo, 8, 80067 Sorrento NA
  • Come Arrivare: portami qui

Piazza Tasso

Piazza Tasso è il cuore turistico di tutta Sorrento.

Chiamata in origine Largo del Castello, in onore del Castello fatto costruire nel XV secolo da Ferdinando D’Aragona, venne intitolata al famoso concittadino Torquato Tasso solo nel XIX secolo; quando, dopo un’importante trasformazione urbanistica, prese il suo attuale aspetto.

La piazza, attraversata dal frequentatissimo Corso Italia, è davvero un punto nevralgico della città: nel lato meridionale spicca la casa Correale e nel lato nord la Chiesa Santa Maria del Carmine e il prestigioso Grand Hotel Vittoria, che ha ospitato personaggi del calibro di Enrico Caruso. Sempre dal lato nord, una stradina conduce alla Marina Piccola, con le sue apprezzate spiaggette.

Informazioni

  • Come Arrivare: portami qui

Basilica di S. Antonio

A Sorrento non si può nominare S. Antonio senza drizzare le spalle ed assumere un atteggiamento di grande rispetto. Il Santo, infatti, è Patrono, avvocato e Padre di Sorrento e della Penisola, protettore dalle epidemie e dalle calamità; molti miracoli infatti gli sono stati attribuiti, tanto da dedicargli una basilica di grande maestosità.

Costruita vicino al sepolcro del Santo intorno all’anno mille, ha subìto nel corso degli anni diversi restauri, che gli hanno donato l’attuale stile barocco.

L’ingresso è caratterizzato da due ossa di cetaceo che stanno a rappresentare il più conosciuto miracolo di S. Antonio: il salvataggio di un bambino inghiottito proprio da una balena.

Il soffitto della navata centrale, invece, è decorato con delle tele del Lama in cui vengono rappresentati, oltre al Patrono, anche i Santi Gaetano Thiene e Andrea Avellino.

Sull’altare sono conservate le spoglie del protettore, meta spesso di pellegrinaggi e di raccoglimenti in preghiera.

Informazioni

  • Indirizzo: Piazza Sant’Antonino, 80067 Sorrento NA
  • Come Arrivare: portami qui

Duomo di Sorrento

Il Duomo di Sorrento è dedicato ad altri Santi, Filippo e Giacomo, ma sempre oggetto di vari restauri che ne hanno modificato fortemente l’aspetto.

L’elemento rimasto intatto è solamente il portale marmoreo, che riporta nell’architrave gli stemmi della Casa d’Aragona, di Sisto IV e dell’Arcivescovo De Angelis.

Un duomo davvero maestoso, con soffitti ornati da tele barocche e opere di grande valore artistico, come la Madonna col Bambino e i due S. Giovanni, oltre che con la cappella in cui fu addirittura battezzato Torquato Tasso.

Una visita accurata è davvero d’obbligo, non solo all’interno ed alle sue accuratezze ma anche all’esterno, su Corso Italia, al maestoso campanile con l’orologio in ceramica del ‘700.

Informazioni

  • Indirizzo: Via Santa Maria della Pietà, 46, 80067 Sorrento NA
  • Come Arrivare: portami qui

Sedile Dominova

Il Sedile Dominova, in via San Cesareo, è un edificio monumentale del XIV secolo, in cui si ritrovavano i nobili della parte più occidentale di Sorrento.

Solo nel 1877, anno in cui fu fondata la Società Operaia di Mutuo Soccorso, fu adibito a sede di raccolta dei lavoratori della città: una sorta di mutualismo attraverso cui riuscivano a tutelarsi in caso di malattie ed infortuni. Una garanzia di cui necessitavano e di cui sentivano assolutamente il bisogno.

Un edificio apprezzato per entrambi i suoi ruoli, e che dona ancora oggi delle particolarità fortemente rappresentative.

L’affresco con lo stemma della città che si trova all’interno, ad esempio, è davvero un’opera di grande importanza: rappresenta il simbolo della cittadina con due angeli ai lati, in segno di protezione. Assolutamente da ammirare. Ma non solo. La volta della cupola, con un’architettura di tipo rinascimentale, raffigura le insegne araldiche di ogni famiglia nobile che ne faceva parte: uno spettacolo che riporta alla storia di Sorrento e delle persone che l’hanno resa grande.

Informazioni

  • Indirizzo: Via S. Cesareo, 70, 80067 Sorrento NA
  • Come Arrivare: portami qui
Tour in Costiera Amalfitana

Scopri la Costiera Amalfitana con una visita guidata d’autore

Vallone dei Mulini

Questa Valle Costiera ritrova il nome nella presenza di un mulino, una volta utilizzato per la macinazione del grano.

La sua origine si deve ad una potente eruzione che 35.000 anni fa sconvolse la Campania, e che formò questo enorme solco che attraversa la montagna.

La sua collocazione, alle spalle di Piazza Tasso e non troppo distante da Marina Piccola, ha reso il Vallone uno dei luoghi abbandonati più fotografati al mondo; il famoso sito giornalistico americano Buzzfeed, oltre 80 milioni di visite, lo ha addirittura nominato uno dei trenta posti più affascinanti della Terra.

Lo spettacolo che mostra delinea tutta la forza della natura; già dal centro storico si può ammirare questa spaccatura nella roccia che scolpisce, quasi spaccandolo del tutto, il banco calcarenitico presente. Un vero evento che ha cambiato fortemente la morfologia del territorio, in tutta la sua irruenza.

Momentaneamente si può accedere al Vallone solo da un piccolo cancello ubicato sulla strada che collega il porto con Piazza S. Antonio.

Il livello di allarme però, su questo luogo suggestivo e incontaminato, è in continuo aumento: l’ultima frana che lo ha colpito ha provocato una caduta di detriti e macigni che sono andati depositandosi nell’alveo del fiume sottostante.

Altri smottamenti simili potrebbero far scomparire del tutto questo elemento naturale così importante per Sorrento e tutta la penisola.

Informazioni

  • Indirizzo: 80067 Sorrento NA
  • Come Arrivare: portami qui

Spiagge di Sorrento

Ma Sorrento è anche sole, mare, sabbia bianchissima e tanto divertimento.

Non si può passare qualche giorno sulla Penisola senza rilassarsi abbronzandosi o godere dell’aria vacanziera che solo il mare riesce a donare.

Sono così tante le spiagge fra cui scegliere, alcune adatte a famiglie con bambini, altre più avventurose, altre ancora divertenti e piene di attività che non si rischierà di annoiarsi neanche un secondo.

E se proprio non riusciamo a decidere su quale passare qualche ora, potremo girarle tutte, assaporando quel profumo di salsedine e quel mare di un colore così brillante da inebriare la vista.

Bagni della Regina Giovanna

I bagni della regina Giovanna sono delle vere e proprie piscine naturali di una rara bellezza.

Una piccola oasi naturale sul Promontorio di Punta Capo a Sorrento, più precisamente sulla costa dell’area Marina Protetta di Punta Campanella.

Devono il loro nome alla Regina Giovanna d’Angiò-Durazzo che amava, alla fine degli anni trecento ed all’inizio dei quattrocento, passare le sue estati a Sorrento e portare i suoi numerosi amanti proprio in queste acque cristalline.

Questi bagni sono rimasti un luogo del tutto naturale, senza strutture ricettive, bar o ristoranti dove potersi rifocillare; un vero e proprio sito archeologico, con ingresso gratuito, dove poter ritrovare un vero contatto con la natura.

Si consiglia comunque, visto il grande afflusso di persone nei mesi estivi più caldi, di arrivare o all’alba o al tramonto per godere appieno di questo luogo incantato; o nei mesi di giugno e settembre, dove la calca oramai va diminuendo.

Per un maggiore comodità si consiglia anche di indossare delle scarpette da scogli in quanto non è presente sabbia ma solo scogli e ciottoli.

Informazioni

  • Indirizzo: Traversa Punta Capo, 80067 Sorrento NA
  • Come Arrivare: portami qui

Marina Grande

Arrivati a Sorrento non si può assolutamente perdere la visita all’antico borgo marinaro di Marina Grande, con le sue casette colorate e le sue viuzze che sembrano uscite da un quadro.

Zona residenziale di tante famiglie, ha subìto col tempo una lenta trasformazione che lo ha portato a diventare una delle località turistiche più accoglienti di tutta la Penisola Sorrentina.

A determinare questa metamorfosi e il crescente sviluppo di attività legate alla balneazione ed allo svago in generale, è stata una pellicola cinematografica di grandissimo successo, girata proprio in questi luoghi: Pane Amore e… con Sofia Loren, Dino Risi e Vittorio De Sica.

Marina Grande risulta infatti lo scenario ideale per film e cortometraggi, grazie proprio alle straordinarie vedute che offre: il Golfo di Napoli, il Vesuvio, la Costa del Capo di Sorrento.

Ma le vedute non sono l’unica attrazione importante di questo luogo, anche gli stabilimenti balneari hanno un grande fascino e attrattiva.

Ogni anno migliaia di turisti, italiani e stranieri, nuotano nel mare blu di Sorrento godendosi tutte le comodità che le varie calette possono offrire.

Informazioni

  • Indirizzo: 80067 Sorrento NA
  • Come Arrivare: portami qui

Marina Piccola

Marina Piccola è quel luogo incantato e tradizionale in cui sorge fiero il porto di Sorrento, e dove attraccano aliscafi e traghetti per le altre località del Golfo. Un vero e proprio centro di smistamento turistico dove passa oltre un terzo del turismo internazionale di tutta la zona di Napoli.

Ma non è soltanto questo: accanto al porto si trovano i più conosciuti stabilimenti balneari di tutta Sorrento. La possibilità limitata data dalla piccola striscia sabbiosa presente ha fatto sì che gli stabilimenti si allungassero sul mare con delle caratteristiche palafitte.

Uno spettacolo davvero da non perdere.

Sopra la Marina troviamo alcuni degli hotel più famosi di tutta la Penisola, come l’hotel Tramontana, che occupa l’area in cui era situata la casa di Torquato Tasso.

Informazioni

  • Indirizzo: 80067 Sorrento NA
  • Come Arrivare: portami qui

Nerano

La costa di Nerano è una vera delizia per chi ama le immersione e vuole godersi a pieno il mare in ogni sua forma. Una vera e propria perla della penisola che offre ai suoi visitatori tutto quello che potrebbero aspettarsi: mare, storia, natura.

Spiagge quasi incontaminate di ciottoli, acqua trasparente ed alle spalle una montagna con fitta vegetazione che protegge quasi totalmente dal vento. Davvero un luogo suggestivo in cui passare una o più giornate, lasciandosi tutti i pensieri e le preoccupazioni alle spalle.

Informazioni

  • Indirizzo:
  • Come Arrivare: portami qui

Ieranto

panorama baia di ieranto

La Baia di Ieranto è una lingua di terra che si allunga sul borgo di Nerano fino quasi a toccare Capri.

L’accesso all’area è sempre libero nonostante sia di proprietà di FAI, il fondo nazionale per l’ambiente, che spesso organizza tour e visite guidate a favore dei turisti.

La parte finale del sentiero della baia porta alla spiaggia, ed è chiamata la Scala dei Minatori, proprio in onore dei minatori che nel 1900 estraevano la calce dalle cave.

La spiaggia di Ieranto è un’area protetta, a cui si arriva dopo un percorso di oltre 6 chilometri, e che non ha aree attrezzate, stabilimenti o strutture turistiche: non un luogo forse in cui portare i bambini ma di certo dove poter fare il bagno nell’acqua più pulita di tutta la costa.

Informazioni

  • Indirizzo: Via Ieranto, 6, 80061 Massa Lubrense NA
  • Come Arrivare: portami qui

Dove dormire a Sorrento

Estate o inverno, Natale o Ferragosto, Sorrento sa sempre accogliere i turisti con i suoi profumi e colori. Chi intende passarvi più di un giorno per potere assaporare in toto la vita della città, non deve far altro che prenotare in uno degli hotel che sorgono nel suo territorio. La vasta offerta e i prezzi più che abbordabili delle strutture ricettive del posto, saranno sicuramente un ulteriore incentivo che porterà a prediligere per le vacanze questa terra che sa di mare e limoni.

Imperial Hotel Tramontano

hotel tramontano sorrento
Foto: Booking.com

È uno degli hotel più apprezzati della zona. Situato al centro di Sorrento, a 5 minuti in auto dalla stazione dei treni, offre panorami indimenticabili, con vista sul Golfo di Napoli.

Sole e mare fanno da cornice alla sua splendida struttura. La spiaggia può essere raggiunta a piedi in un minuto, tramite un ascensore interno all’albergo, ma il mare si può godere anche dalla terrazza che ad esso si affaccia, magari gustando qualcuno dei prelibati piatti di uno dei ristoranti in loco.

L’eleganza degli arredi delle zone comuni e delle stanze, ben si intona con quella della struttura esterna e interna di questo di un antico palazzo rimesso a nuovo, che profuma ancora  di storia. Per chi fosse interessato, al suo interno è possibile anche visitare una piccola cappella, che trova posto nell’ala più antica della costruzione, risalente al XVI secolo.

Di forte impatto per i turisti anche lo splendido e lussureggiante giardino e la piccola piscina attorniata dal verde che ospita; qui è possibile gustare un buon drink, magari a fine giornata, grazie al piccolo bar a bordo vasca.

Le camere sono tutte dotate di aria condizionata, WI-Fi, TV satellitare a schermo piatto e minibar; alcune si affacciano sul mare, altre sul giardino. E, se viaggiate con la vostra auto, non preoccupatevi per il parcheggio: con un piccolo surplus lo avrete garantito per tutta la durata del soggiorno.

Hotel Tourist

hotel tourist sorrento
Foto: Booking.com

Chiunque decida di soggiornare nell’Hotel Tourist dovrà, perlomeno, apprezzare il profumo dei limoni visto che il suo giardino è invaso da queste splendide piante.

La struttura si trova al centro di Sorrento, a pochi passi dalle fermate dei mezzi pubblici. Il prezzo conveniente e l’ottima posizione lo rendono particolarmente appetibile ad una grossa fetta di turisti, che apprezzano anche la gentilezza dello staff e la pulizia delle camere.

Punto di forza di questo albergo è la piscina immersa nel verde, molto curata e guardata a vista da un bagnino; è ben servita da un bar all’aperto che permette di consumare pasti a bordo vasca. Per chi preferisce mangiare all’interno della struttura, comodamente seduto ad un tavolo, c’è sempre a disposizione il ristorante dell’hotel  che offre specialità locali e internazionali.

La spiaggia più vicina si trova ad una ventina di minuti di distanza se ci si muove a piedi. Per coloro che viaggiano con la propria auto, la struttura è convenzionata con un parcheggio a pagamento nei pressi dell’albergo. Le camere hanno tutte il bagno privato, e alcune un balcone che si affaccia sul profumo dei limoni che rallegrano il giardino.

Hotel il Faro

hotel il faro sorrento
Foto: Booking.com

Per chi ama le atmosfere meno formali, la libertà della semplicità e lo stile marinaro l’Hotel Il Faro è perfetto. Si trova ad appena 4 minuti a piedi dalla spiaggia, nei pressi del porto di Sorrento da dove ci si può imbarcare per visitare le isole vicine.

Le stanze sono tutte arredate riprendendo i colori del mare e del cielo, che possono essere assaporati dalle finestre vista porto. Sono dotate di TV satellitare e aria condizionata.

È l’alloggio perfetto per tutti coloro che viaggiano in compagnia del proprio animale domestico, che amano la cucina tradizionale, e mangiare in ambienti rilassanti; presenta ben tre sale di ristorazione dove si diffonde il profumo della vera pizza napoletana e dei manicaretti a base di pesce.

La piscina, situata sul solarium sul tetto della struttura, garantisce momenti di relax cullati dal rumore e dalla vista delle onde. L’albergo non ha posti auto propri, ma ha stipulato una convenzione con un garage vicino, che, dietro pagamento, custodisce mezzi su ruote per tutto il tempo necessario.

Cosa Mangiare a Sorrento

La cucina sorrentina ha una tradizione lontanissima che riporta un uso privilegiato delle materie prime del territorio.

Ingredienti locali come olio, formaggi e limoni quindi, ma anche basati sui profumi e sui sapori del mare e della montagna che racchiudono splendidamente questa cittadina.

Di sicuro il piatto più famoso ed amato è quello degli Gnocchi alla Sorrentina, con pomodoro, fiordilatte e basilico, ma non ci si può dimenticare dell’aragosta lessata, del polpo in casseruola o dei cannelloni alla ricotta.

Ed immancabile a fine pasto, per pulire il palato o favorire la digestione, il sorbetto al limone o il limoncello, assolutamente prodotto artigianalmente.

Pietanze e sapori semplici, ma sempre di gran gusto e intensità.

Dove si trova Sorrento

Conclusione

Dunque, se stai cercando una città di una bellezza mozzafiato non molto distante dalla Costiera Amalfitana, Sorrento è la città che fa per te. Con le sue drammatiche scogliere a picco sul Mar Tirreno e le sue belle strade e palazzi storici, questa città ti toglierà il fiato. Aggiungete alcuni dei migliori cibi d’Italia e un sacco di cose interessanti da vedere e da fare, e avrete la ricetta per una vacanza indimenticabile. Ti abbiamo già convinto? Se no, venite a vedere voi stessi – Sorrento vi aspetta!

Visita Positano in Scooter

Esplora la Costiera Amalfitana su due ruote e goditi le vacanze