Cosa vedere a Nerano: dalla spiaggia di Marina del Cantone al paese

Terra di sogni e di leggende, situata a metà strada tra la Costiera Amalfitana e la Costiera Sorrentina, Punta Campanella è il luogo adatto per far riposare l’anima.

Custodito dai suoi confini, un piccolo paese si crogiola beato al sole, sospeso tra un presente, fatto di turismo e silenzi, e i fasti di un passato che ha accolto grandi imperatori e mitici templi; il suo nome è Nerano, in ricordo, appunto, di Tiberio Nerone che scelse questa terra per la sua amenità.

Ancora oggi, nonostante siano passati millenni, la bellezza del luogo è rimasta intatta e il suo mare talmente limpido e ricco di biodiversità da essere inserito, nel 1997, nell’area marina protetta di Punta Campanella.

Marina del Cantone, la Baia di Recommone e la Baia di Ieranto, sono tra le spiagge più gettonate di questa piccola frazione di Massa Lubrense, richiamo costante per gli amanti delle immersioni.

Se deciderete di visitarla, però, vi consiglio di non accontentarvi di vivere solamente le coste.

Nerano è anche storia, architettura, come dimostra la piccola Chiesa di San Salvatore e le altre cappelle della zona, e  gastronomia di alti livelli che ha regalato all’Italia intera i favolosi Spaghetti alla Nerano. Ne avete sentito parlare?

Il fatto stesso che Nerano prenda il suo nome da Neronianum, aggettivo riferito all’imperatore Nerone, fa capire quanto bisogna viaggiare a ritroso nel tempo per ricostruire  la storia di questo spicchio di terra campana.

Infatti è fin dai tempi degli antichi greci che il suo territorio e quello circostante furono sede di importanti templi che diedero il nome a molte località della zona.

L’imperatore Nerone lo elesse a luogo di villeggiatura poco dopo essersi trasferito a Capri; vi fece costruire una sorta di complesso residenziale, abbellito da fontane, piante e fiori, nel quale fece inserire non solo la sua villa personale, ma anche tutta una serie di edifici per accogliere gli amici in visita.

Il primitivo nucleo abitativo del paese entrò a far parte dei casali massesi nel Medioevo. Fu particolarmente colpito dal saccheggio del 1558, ad opera delle armate turche, quando vennero devastati interi villaggi della zona e fatte prigioniere e portate a Costantinopoli ben 1500 persone.

Ancora oggi il suo territorio fa parte di quello di Massa Lubrense, insieme a tante altre frazioni che con esso hanno condiviso il cammino nei secoli

Chiesa di San Salvatore

Nerano si sviluppa intorno alla Chiesa di San Salvatore e dalle pendici del Monte di San Costanzo degrada fino al mare. È immerso in una fitta vegetazione che gli regala un alone di selvaggia amenità in cui le abitazioni colorate con le loro pergole si inseriscono silenziosamente, senza intaccare il respiro della natura.

La Chiesa di San Salvatore, chiamata anche Chiesa del Gesù Salvatore, si pensa sia stata edificata intorno al XV secolo. Venne ristrutturata nel 1600 e nel 1613 eletta a parrocchia.

Esternamente si presenta con una facciata molto semplice, sulla quale si aprono un portone in pietra e tre finestre, affiancata da un campanile con cupola maiolicata.

Le sue modeste dimensioni iniziali vennero ampliate intorno alla metà del 1800 grazie alla generosità dei fedeli. Al suo interno troviamo tre navate separate da archi e pilastri,  altari in marmi policromi, che sono andati a sostituire quelli originari in stucco, e un pavimento sempre in marmo che ha preso il posto di quello maiolicato del ‘700.

La semplicità della chiesa ben si sposa con quella del luogo dove è il silenzio a parlare  con la sua preghiera muta che riesce ad elevare i pensieri fino al cielo.

Informazioni

  • Indirizzo: Via Rotabile di Nerano, 4C, 80061 Nerano NA
  • Telefono:
  • Web:
  • Come Arrivare: portami qui

Marina del Cantone

La Baia di Marina del Cantone è famosa per le sue acque trasparenti e per avere una delle spiagge più belle e estese della zona. È situata tra la Baia di Ieranto e la Baia di Recommone, ed è una delle poche del paese raggiungibili a piedi.

È la meta preferita degli amanti dello snorkeling grazie alla variegata quantità e qualità di creature acquatiche che hanno eletto questo tratto di mare a dimora. 

Offre tutte le comodità che il turista può desiderare, con i suoi stabilimenti, i suoi ristoranti con vista sul mare e tutti i servizi che una spiaggia può garantire. Tuttavia, per coloro che invece preferiscono gestirsi in completa autonomia, sono disponibili anche tratti di spiaggia libera, tutti da vivere.

Chi avrà voglia di esplorarla in lungo e largo, camminando sopra i suoi ciottoli levigati arriverà alla Cappella di Sant’Antonio da Padova, fondata dagli abitanti della zona nel 1646. È un piccolo capolavoro d’arte marinara mediterranea, perfettamente inserito nel contesto, arricchito da un pavimento di  riggiole dipinte che riproducono scene di pesca.

È situata sopra un rinomato ristorante  e ad essa si accede tramite una scalinata che porta ad una terrazza dalla quale è possibile ammirare il blu del mare che le si staglia di fronte.

Gli occhi attenti di Sant’Antonio sorvegliano i flutti per proteggere i fedeli da tempeste e maree. La gratitudine degli abitanti di Nerano nei confronti del santo si rende visibile a tutti, ogni anno, il 13 del mese di maggio, quando una processione in suo onore si snoda tra i ciottoli chiari della spiaggia.

Informazioni

  • Come Arrivare: portami qui
Tour in Costiera Amalfitana

Scopri la Costiera Amalfitana con una visita guidata d’autore

Baia di Recommone

Alla Baia di Recommone si arriva via mare o via terra, attraverso un sentiero panoramico che parte da Baia di Marina del Cantone e che si fa spazio tra agavi, ulivi, sprazzi di mare e cielo; questo percorso permette di catturare orizzonti indimenticabili che vedono protagoniste le Isole de Li Galli e l’Isolotto di Isca.

Chiamata anche Conca del Sogno, questa baia custodisce una piccola spiaggia di ciottoli chiari e ghiaia sempre riparata dai venti.

Le sue acque limpide sono un richiamo per gli amanti dei tuffi, ma non rappresentano la sola attrattiva del luogo; a livello del mare si trovano infatti due grotte tutte da esplorare, la Grotta di Recommone e la Grotta dei Pescatori  molto apprezzata dai pescatori della zona in quanto offriva loro uno spicchio d’ombra dove poter ancorare.

Informazioni

  • Indirizzo: Via Recommone 6, Via San Marciano, 7, 80061 Massa Lubrense NA
  • Come Arrivare: portami qui

Baia di Ieranto

Da sempre decantata da poeti e artisti questa splendida baia incontaminata divenne protagonista dell’Odissea come casa delle sirene. Si apre dinanzi ai Faraglioni di Capri, e ci si arriva attraverso un sentiero che parte dalla piazzetta di Nerano e si snoda tra orti coltivati, tratti di bosco e agrumeti.

Gran parte del suo territorio appartiene al FAI che la protegge da eventuali speculazioni e che si preoccupa di preservare la diversità della macchia mediterranea del luogo rappresentata dall’aroma del rosmarino e del ginepro e dalla particolare infiorescenza dell’euforbia.

Per tutti coloro che amano non solamente ciò che il mare può offrire ma il contatto con la natura in generale, questo è il luogo migliore per stimolare occhi e mente con  mille attività che vanno dallo snorkeling alle passeggiate botaniche.

Informazioni

  • Indirizzo: Via Ieranto, 6, 80061 Massa Lubrense NA
  • Come Arrivare: portami qui

Un salto tra i fornelli

Chiunque ami la buona cucina avrà senza dubbio sentito parlare degli Spaghetti alla Nerano che non si possono non gustare se si decide di visitare il paese. In qualunque ristorante del luogo sono inseriti nel menù in quanto piatto della tradizione che ha conquistato anche il palato di personaggi importanti come Totò e Eduardo De Filippo.

Nasce dall’aggiunta del Provolone di Monaco solitamente, ma anche di altri formaggi filanti in sua assenza, alla pasta con le zucchine. Questo fortunato connubio regala al piatto una cremosità che esalta il sapore della pasta, soddisfando i palati più esigenti.

Mappa di Nerano

Cosa vedere nelle vicinanze

  • Spiaggia La Perla (1.4 Km)
  • Grotta d’o pertuso (6.2 Km)
  • Torre di Montalto (1.4 Km)

Conclusione

…e tra un buon piatto di spaghetti, mare e sole non si potrà non sentirsi in pace con se stessi nel silenzio chiassoso del luogo. Tra verdi e azzurri, onde e vento vi renderete conto che esistono ancora posti in questo mondo dove si può davvero sentir parlare la natura. Provare per credere, Nerano vi aspetta!

Visita Positano in Scooter

Esplora la Costiera Amalfitana su due ruote e goditi le vacanze