vietri sul mare, tra spiagge e ceramica

Vietri sul Mare: guida alla città della ceramica

L’antica tradizione artigianale della Costiera Amalfitana è conosciuta e apprezzata a livello mondiale, e ci sono centri dove ancora oggi è possibile vedere come questa si è evoluta nel tempo in un mix fra antico e moderno. 

Vietri sul Mare è famoso proprio perché qui si creano ancora oggi delle meravigliose ceramiche: oggetti di grande pregio la cui storia trae le sue radici già dall’epoca romana.

Non è un caso se chi soggiorna negli hotel della zona spesso rientra con una piastrella fatta a mano, anzi: molto spesso la bellezza di questi souvenir spinge i turisti ad arrivare dai paesini vicini come Positano, Napoli e Amalfi

Naturalmente il centro abitato ha molto altro da offrire, come una spiaggia meravigliosa e un mare così bello da fare concorrenza a quello della Conca dei Marini.

Se a tutto questo aggiungiamo un ambiente caldo e solare (qui il meteo d’estate è sempre favorevole) più molteplici punti d’interesse adatti a chi ama la storia e l’arte, è facile capire come mai l’ultimo dei paesi della Costiera Amalfitana, dal punto di vista geografico, è allo stesso tempo uno dei primi a essere visitato.

In questo articolo scopriremo tutti i segreti di Vietri sul Mare: dove si trova, le strutture per alloggiare e cosa vedere.

dove andare vietri sul mare
@Eli_cardi / Instagram

La storia di Vietri sul Mare inizia già con la civiltà etrusca quando era ancora conosciuta come Marcina. Come il resto della Campania seguì le sorti dell’impero romano diventando un vantaggioso porto riparato, caratteristica che, purtroppo, non ne impedì il saccheggio nel V secolo durante le invasioni barbariche.

In epoca moderna Marcina appare in un’edizione a stampa della geografia di Strabone, ma da secoli ormai la città aveva cambiato nome in Vietri, un nome che ne ricorda le “vetuste” origini. 

Oggi, dopo varie vicissitudini, il centro abitato si mostra ai viaggiatori con i colori delle sue ceramiche, offrendo diversi edifici e ambienti naturali da visitare.

Centro storico di Vietri sul Mare

cosa vedere a vietri sul mare
@fabrizio_road / instagram

Il centro storico di Vietri sul Mare è il perfetto esempio di come l’artigianalità possa convivere con l’ambiente circostante, integrandosi nel contesto.

Per chi fosse alla ricerca di un’immersione nella tradizionale lavorazione della ceramica, qui si troverà nel luogo ideale. Via Umberto I, la principale via del centro storico, è costellata da laboratori di ceramica dove poter acquistare souvenir o dove poter apprendere le tecniche di quest’arte.

Qualche passo in più e si raggiunge Piazza Duomo, dove si staglia la Chiesa di San Giovanni Battista.

Famosa per la sua cupola in maiolica, è il simbolo del paese.

La pianta a croce latina, con il campanile posto alla sinistra della facciata, sono opera di Matteo Vitale. Molteplici le opere d’arte al suo interno, come il dipinto su ceramica del Santo e il polittico attribuito alla bottega del Sabatini.

Impossibile non citare il museo provinciale della ceramica, un’istituzione in tutta la Costiera Amalfitana.

La vocazione all’arte della ceramica di Vietri sul Mare nasce nel Medioevo.

Lo si può notare dalla datazione di alcune delle opere contenute all’interno del museo.

Anche l’edificio in cui si trova è di per sé un museo, si tratta infatti della Torretta Belvedere di Villa Guariglia, quella che in passato fu anche la residenza di Vittorio Emanuele III.

L’Arciconfraternita della Santissima Annunziata e del Santissimo Rosario è la più antica Chiesa di Vietri sul Mare.

È una costruzione del ‘600, finemente decorata all’esterno con piastrelle in ceramica, mentre l’interno è ricco di affreschi. In tutto il centro storico è possibile imbattersi in edifici abbelliti da queste ceramiche tradizionali.

Museo provinciale della ceramica

cosa vedere vietri sul mare
@Danielathn / Instagram

In una città legata così strettamente alla realizzazione della ceramica non poteva mancare una struttura che ne ripercorresse la storia e lo sviluppo nei secoli. 

Nello specifico il museo provinciale della ceramica di Vietri sul Mare ospita una collezione proveniente non solo dalla Costiera Amalfitana, ma da tutto il Mediterraneo, da sempre vivace centro di scambio fra Italia, Francia, Spagna e perfino Africa e il Vicino Oriente.

La stessa location del museo è esclusiva e storicamente importante, in quanto si tratta di un edificio colonico rimesso a nuovo negli anni ’30 chiamato Villa Guariglia, lasciato al patrimonio provinciale di Salerno dallo stesso proprietario Raffaele Guariglia.

Chiesa di San Giovanni Battista

vietri sul mare nppov 1
Foto: nppov / instagram

La parrocchiale di questa località si fa immediatamente notare per una caratteristica molto particolare: la cupola dell’edificio principale e quella, più piccola, del campanile, infatti, sono ricoperte di maioliche. 

Non solo: gli splendidi colori della ceramica si ritrovano anche all’interno in ogni singolo altare che affianca la navata, anche se quello situato nell’abside è realizzato, in maniera più “classica”, in marmo.

Fra le altre opere di pregio ospitate nella chiesa troviamo una madonna del latte del XVI secolo e la pala di San Giovanni del 1732. 

Le pareti sono state lasciate spoglie anche se nelle vele del soffitto fanno capolino alcune importanti figure religiose dipinte: il colore giallo acceso dei muri è frutto di un restauro molto recente che ha permesso di recuperare alcune peculiarità dello stile barocco come, per l’appunto, le tinte pastello.

Sulla facciata si può vedere un occhiello dove si trova il santo patrono: si tratta di un rimaneggiamento del secondo dopoguerra per sostituire il rosone, purtroppo perso durante i feroci bombardamenti che a quel tempo colpivano la città.

I due fratelli di Vietri sul Mare

I due fratelli di Vietri sul Mare altro non sono che due scogli identici che si stagliano nel mare.

Il bello di questi scogli è che sono due le leggende che ruotano intorno a loro.

Per trovare le origini della prima leggenda, occorre tornare ai tempi degli antichi Greci, quando due pastori, intenti ad accudire il loro gregge, scorsero una ragazza in acqua.

Proprio in quel momento una tempesta colpì la zona; i due ragazzi non poterono fare a meno di tuffarsi per salvare la donzella ma lo sforzo fu inutile perché lei, figlia del dio del mare, sopravvisse, mentre i due giovani morirono.

L’unica cosa che poté fare in cambio di questo vano sacrificio, fu trasformare i due corpi nei faraglioni che ancora si possono ammirare.

Una seconda leggenda vede invece protagonista l’assedio dei saraceni alla città di Salerno.

Dopo mesi in cui non ci furono ne vinti ne vincitori, si giunse al duello finale.

Il principe Rajan dei saraceni combatté contro il conte Umfredo dei Landolfi dei salernitani.

Stremati dalla battaglia, pensarono che una pausa di pochi minuti non potesse guastare l’esito della battaglia, così si adagiarono sugli scogli.

L’armatura era però troppo pesante, così furono trascinati sul fondale marino innalzando il loro stemma.

Destino volle che era lo stesso e che solo in punto di morte scoprirono che erano fratelli.

Spiagge di Vietri sul Mare

spiagge vietri sul mare
@Eli_cardi / Instagram

Lo stesso nome ce lo dice: Vietri sul Mare dispone di molte spiagge dove prendere il sole oppure dedicarsi a una bella nuotata rinvigorente. Quella più popolare è chiamata La Baia e ha la caratteristica di essere formata di sabbia: una particolarità da non sottovalutare contando che gli altri paesi della Costiera Amalfitana spesso si affacciano su lidi di ciottoli.

Più tranquilla è La Crespella, una piccola spiaggia che offre una vista impagabile sui Due Fratelli, i faraglioni simbolo della città che si possono trovare anche sul suo stemma. 

Più distante è possibile fare il bagno direttamente presso la Marina di Albori, una località abitata da appena 350 persone e presente nella lista dei borghi più belli d’Italia.

Marina di Vietri

Una delle spiagge più giovani dell’intera Costiera Amalfitana.

La spiaggia di Marina di Vietri nasce nel 1954, dopo l’alluvione che ha colpito Vietri sul Mare; i detriti, scivolando verso valle, hanno formato quella che ora è una spiaggia sabbiosa di circa 100 metri.

Divisa a metà dal fiume Bonea, è perfettamente delimitata l’area destinata agli stabilimenti da quella libera. Qui è possibile prendere parte ai tour organizzati per esplorare quella che è stata la gloriosa Repubblica di Amalfi.

Spiaggia La Baia

La spiaggia La Baia segna l’accesso alla città, giungendo da Salerno. In totale sono 400 metri di sabbia per una delle aree meglio servite dai servizi di trasporto pubblico. La vicinanza con il porto di Salerno rende l’acqua non sempre limpida, ma resta comunque una delle perle della Costiera e di Vietri sul Mare.

Spiaggia Crestella

Questa spiaggia deve il nome alla cinquecentesca torre Crespella che domina sull’arenile. Questo tocco storico-architettonico, la rende una delle spiagge più apprezzate dai turisti di Vietri sul Mare. Anche qui si susseguono tratti liberi ad altri attrezzati. È raggiungibile a piedi dal centro del paese o con un autobus che le collega direttamente.

Marina di Albori

Albori è una frazione di Vietri, annoverata fra i borghi più belli d’Italia.

Arroccata sui monti e con un affaccio unico sul mare, Albori è un borgo marinaro costituito da case bianche a picco, costruite in questo modo perché in passato si aveva la necessità di proteggersi dagli attacchi arabi.

Si tratta di un’architettura di stile mediterraneo, con materiali locali e la flora che circonda il paesaggio.

È un luogo ideale per gli appassionati di trekking, visti i numerosi percorsi che attraversano la zona e partono dal centro del borgo. Questi sentieri che sono incorniciati dai monti Lattari da un lato e dal mare dall’altro.

La spiaggia di Marina di Albori è raggiungibile percorrendo una discesa di duecento scalini. Una volta raggiunto il fondo valle, quello che si potrà ammirare è un paesaggio paradisiaco, con acque cristalline e anche i servizi necessari per godersi al meglio la propria giornata al mare.

Torri di Vietri sul Mare

torri saracene vietri sul mare
Foto: @Mrscancio / Instagram

Nella lista su cosa vedere nelle vicinanze non mancano le torri saracene, strutture che venivano utilizzate per sorvegliare l’orizzonte in cerca di navi nemiche o di imbarcazioni dei predoni e dei pirati arabi. Le più importanti sono la torre Vito Bianchi (proprietà privata) e quella cinquecentesca del Chiatamone.

Molto bella anche la torre di Dragonea, una delle più antiche in quanto fu costruita nel 1100 come parte integrante del sistema di difesa della repubblica amalfitana, a quel tempo già particolarmente attiva dal punto di vista dei commerci marittimi.

Alloggiare a Vietri sul Mare

dove alloggiare vietri sul mare
Foto: Hellenn_gold / Instagram

Ogni anno migliaia di viaggiatori decidono di soggiornare a Vietri sul Mare, approfittando della sua vantaggiosa posizione e della presenza dell’unica stazione ferroviaria in tutta la costa. Per questo motivo qui ci sono diverse strutture che ospitano i visitatori di passaggio: vediamo le migliori.

Lloyd’s Baia Hotel

Lloyds Baia Hotel
Lloyd’s Baia Hotel – Foto: Booking.com

Nome molto noto nella cittadina. Il Lloyd’s Baia Hotel non offre solo camere di lusso, ma anche un centro benessere e un ristorante che permette di spaziare con lo sguardo sul golfo di Salerno: una vista da non perdere, soprattutto al tramonto.

Da notare i rivestimenti dell’edificio, realizzati naturalmente con le ceramiche di Vietri: ogni soggiorno si trasforma così in un’esperienza culturale a tutto tondo.

Per prezzi e disponibilità, cliccate qui.

Hotel Bristol

hotel bristol vietri sul mare
Hotel Bristol – Foto. Booking.com

Aperto ormai da mezzo secolo, l’Hotel Bristol è una location molto gettonata anche per gli eventi di rilievo come matrimoni, conferenze e feste di laurea.

Grazie a degli ambienti raffinati e a un servizio impeccabile può soddisfare anche gli ospiti più esigenti: anche i buongustai non rimarranno delusi, in quanto nel ristorante panoramico vengono serviti piatti con ingredienti genuini provenienti direttamente dall’orto della struttura.

A poca distanza dall’hotel si trova anche la spiaggia della Crestarella dove si trova l’omonima torre (che abbiamo incontrato nei paragrafi precedenti come torre del Chiatamone): la soluzione perfetta per chi desidera prendere il sole senza fare troppa fatica su e giù per le scogliere.

Per prezzi e disponibilità, cliccate qui.

Relais Paradiso

relais paradiso vietri sul mare
Relais Paradiso – Foto: Booking.com

Sono in molti a definire questa zona della Campania come un piccolo Eden, e Vietri sul Mare non fa eccezione, tanto che qui può trovare questo relais dal nome suggestivo dove riposarsi e assaporare la calma che regna nel paese.

Le camere della struttura sono caratterizzate da finiture pregiate dal taglio moderno, una tendenza che si può trovare anche nel ristorante dove non mancano, naturalmente, rimandi alla tradizione culinaria della costa di Amalfi.

Il relais offre anche una SPA e la piscina che affaccia direttamente sull’acqua blu del bellissimo mare amalfitano, elementi che non possono mancare per una vacanza veramente indimenticabile. La sera invece si può godere degli ultimi raggi di sole sul roof garden, dove arrivano tutti i profumi della macchia mediterranea.

Per prezzi e disponibilità, cliccate qui.

Residence Zelzar

residence zelzar vietri sul mare
Residence Zelzar – Foto: Booking.com

Questa soluzione è adatta per chi desidera degli spazi più ampi: qui si possono trovare degli appartamenti dotati di tutte le comodità: alcuni dispongono persino del camino. Si trova sia nelle vicinanze del paese che di Salerno e può essere raggiunto agevolmente anche in automobile che all’arrivo si può sistemare nel parcheggio privato previa prenotazione.

Inoltre, nella struttura si possono portare gli animali senza supplemento ed è possibile utilizzare gratuitamente anche il wifi: un ottimo modo per caricare direttamente su Instagram tutte le foto più belle della Costiera Amalfitana!

Per prezzi e disponibilità, cliccate qui.

Dove si trova Vietri sul Mare

Vietri sul Mare, il comune più abitato della Costiera Amalfitana, si trova nel cuore della provincia di Salerno.

Si tratta di un territorio collinare a ridosso della costa, alle cui pendici sorge il borgo marinaro. Una posizione splendida dove ammirare la macchia mediterranea trovando il giusto compromesso tra mare ed alture.

Situato a pochi chilometri da Cetara, è in una posizione strategica anche per raggiungere le migliori spiagge della Costiera Amalfitana.

Dista infatti poche decine di chilometri dalla spiaggia di Maiori, di Minori e da Amalfi.

Da questo luogo è possibile anche ricongiungersi al Sentiero degli Dei, un percorso di nove chilometri che accompagna i visitatori in un sentiero che da Agerola porta a Positano, il tutto per ammirare le meraviglie della Costiera Amalfitana dall’alto.

Vietri sul Mare si trova nel territorio dove si erge il Monte Falerio, una delle vette più belle della zona, raggiungibile con percorsi a piedi, a cavallo e in bicicletta.

Un percorso che parte da Albori, una frazione di Vietri, e che conduce alla cima del monte, percorrendo l’Alta Via.

Un territorio unico, dove l’estrema bellezza delle spiagge riesce a fondersi con la parte selvaggia dei monti che fanno da sfondo ad una città collocata in posizione strategica.

Come arrivare a Vietri sul Mare e cosa visitare nelle vicinanze

  • Salerno (5.6 Km)
  • Cetara (6.6 Km)
  • Erchie (8.5 Km)
  • Cava de’ Tirreni (4.4 Km)
  • Maiori (17 Km)

Vietri sul Mare è il primo paese che si incontra arrivando in macchina da Salerno percorrendo la provinciale per una decina di minuti.

Chi non si sposta con mezzi propri o vuole evitare il traffico della costa (deleterio nei weekend) può invece prendere il treno: il biglietto per andare a Vietri di solito costa 1,50 euro. Leggermente più caro invece il bus, anche se comunque per il tragitto non si spende così tanto: appena 2 euro.

Gli automobilisti che arrivano da Napoli si devono preparare per affrontare le curve della costiera, dove si può anche incontrare parecchia confusione nei mesi estivi per via del grande afflusso di turisti. È comunque possibile viaggiare in treno spendendo circa 5 euro lungo la linea per Amalfi, oppure ricorrere ai bus pagando una tariffa simile.

Un consiglio per godere appieno della bellezza del mare è ricorrere a uno dei tanti traghetti e aliscafi che solcano le acque del golfo, ma sarà necessario scendere ad Amalfi o a Positano e proseguire fino al paese.

In conclusione non possiamo che consigliare una visita a questo pittoresco luogo dove la storia e l’artigianato si sono uniti per fare vita a un’industria decisamente longeva: non andate via senza aver prima acquistato una ciotola o un piccolo paesaggio su ceramica da portare a casa!



Booking.com

error: Content is protected !!